Valentina: mercati, temporali e picknitting

9 luglio 2011

Cielo… che giornata! Sono stanca da morire, ma ne è valsa la pena. Siamo arrivati al mercato alle otto, e abbiamo montato velocemente il gazebo e tutta la bancarella all’interno. Il tempo non sembrava volerci aiutare, e invece è stato quasi bello e sicuramente caldo tutto il giorno, tant’è che gli altri partecipanti ci hanno invidiato la posizione all’ombra sotto i portici. Ho conosciuto tante persone simpatiche e alcuni personaggi strani, come il venditore di formaggi marci. Non l’ho chiamato io così, è stato lui a presentarsi con questo nome! In effetti nelle vicinanze del suo banco dei formaggi quasi non si riusciva a stare. Con quel caldo, poi… Eppure li ho assaggiati, ed erano veramente gustosi. Oppure il signore del banchetto ambulante del caffè. Mai assaggiato un caffè buono come il suo, ma lui l’avrei visto meglio come comico a Zelig. Poi c’erano il parrucchiere dalla lingua tagliente e il panettiere dagli occhi azzurri. Ho fatto amicizia con quasi tutti, anche perché non eravamo proprio in tantissimi. E anche l’afflusso di gente sembrava dover essere maggiore, come inizio ci possiamo accontentare. Ma che stanchezza!

V.

11 luglio 2011

Oggi abbiamo smontato gli scatoloni del mercatino, abbiamo catalogato tutto, fatto le modifiche che servivano e ora lo stand è pronto per la prossima data. È anche venuta in azienda una giovane donna, che fa dei lavoretti di maglieria deliziosi! Sono rimasta affascinata dai piccoli copriteiera fatti a maglia, il berretto, lo scaldacollo… che meraviglia.

V.

12 luglio 2011

Abbiamo avuto un’idea folgorante: si chiamerà Picknitting, si svolgerà all’aperto e sarà bellissimo! L’obiettivo è farlo diventare un ritrovo pomeridiano bisettimanale, in cui donne (e magari non solo donne) di qualsiasi età possano sferruzzare insieme per un paio d’ore nel verde, tra due chiacchiere, il rumore dell’acqua e una passione in comune: la lana. Il progetto mi piace molto e spero che qualcuno trovi la voglia e il tempo per venire, perché il posto merita di essere visto. Per trovare uno spazio adatto, siamo andate in avanscoperta io e L., il nuovo acquisto di The Wool Box, una donna di grande forza d’animo e con un grande cuore. Con lei mi trovo molto bene. Abbiamo subito scartato di farlo sul torrente ai piedi del lanificio: è tutto esposto al sole, e per arrivarci bisogna passare dentro la vecchia fabbrica. Sarebbe suggestivo, ma non proprio sicuro. Allora siamo passate sulla sponda opposta e abbiamo individuato un bel prato. Purtroppo l’erba era troppo alta, un covo ideale per miliardi di zanzare. Se potessimo tagliarla sarebbe perfetto, ma prima dovremmo capire quanta gente verrebbe. Alla fine abbiamo optato per le panchine sotto l’albero che sorge proprio davanti all’azienda, abbastanza lontane dalla strada e vicine alla roggia e all’ombra. Mi sembra una soluzione perfetta!

V.

13 luglio 2011

Sono distrutta. Alle cinque di stamattina sono stata svegliata dal vento che sembrava volersi portare via la casa. Per un istante mi sono sentita come Dorothy, mentre mi appoggiavo con tutto il peso alla porta-finestra di camera mia per riuscire a chiuderla. Quando poi è suonata la sveglia (troppe poche ore dopo, a mio avviso) ho deliberatamente deciso che avrei dormito ancora una mezz’oretta, e così il caffè me lo sono portato al lavoro in un thermos. Con tanto di biscotti! Il cielo era talmente scuro da dover accendere le luci e faceva quasi freddo. Con il caffè bollente davanti al computer sembrava quasi inverno. La giornata si è trascinata tra uno sbadiglio e l’altro, finché non sono arrivate le cinque e dall’esterno abbiamo sentito il rumore di qualcosa che rimbalzava a terra. Stava iniziando a grandinare. Non parlo di ordinari chicchi di grandine, ma di vere e proprie noci, tant’è che siamo corsi tutti fuori a mettere le macchine al riparo nel magazzino, per paura che si rovinassero. Quegli enormi chicchi di grandine cadevano, si frantumavano e rimbalzavano sull’asfalto. Avevo quasi paura ad attraversare il cortile! Poi, magicamente, ha smesso, e dopo meno di un’ora il cielo era azzurro e il sole faceva capolino per un ultimo saluto da dietro le nuvole.

V.

Annunci

4 risposte a “Valentina: mercati, temporali e picknitting

  1. E brava Valentina! Bel diario e giusto carattere ai personaggi che descrivi. Della grandinata abbiamo visto qualche foto, postata su FB, davvero notevole. E poi, non vedo l’ora di partecipare al Picknitting. A presto! Cristina

  2. Ti aspettiamo con ansia Cristina!! Non vediamo davvero l’ora di conoscerti =)
    Vale

  3. Hi Vale!
    it’s all very nice and you’re lovely, but I needed google translator to understand what you wrote in this funny “diary”…don’t u have an English page?
    It’s hard for me to follow your adventures lol

    Emily

  4. Hi Emily!
    We’re working on it…it will come soon (hopefully) the English version of the blog…in the mean time i hope you can be patient and keep following us
    =)
    Vale Thewoolbox

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...