Fingering, DK, Aran o Chunky?

Le lontanissime reminiscenze scolastiche ci riportano sui banchi di scuola a cercare, inutilmente, di comprendere la necessità di un sistema di misura internazionale unificato. Sistema internazionale, Sistema metrico decimale, misure anglosassoni… che confusione! A quell’epoca l’unico problema che si riusciva a immaginare nella babele delle conversioni erano le miglia inglesi, che comunque si confondevano allegramente con la guida a sinistra. Spesso, più che spaventare questa confusione stimolava piacevolmente: leggere “London 100” su un cartello stradale significava il doppio del tempo che si sarebbe impiegato per raggiungere la stessa distanza italiana (anche per la severa applicazione dei limiti di velocità) e questo aumentava il piacere del viaggio estero prolungandolo. Bei tempi.

A distanza di anni l’unificazione metrica è ancora lontana (tra l’altro con la Gran Bretagna non siamo riusciti neppure a raggiungere l’eguaglianza monetaria) e quindi, nel campo dei filati, ci si trova frequentemente a doversi destreggiare tra “Numero metrico” e “Tipo commerciale”, cercando di interpretare la dicitura 1/1750 in termini di Aran, Chunky e via dicendo. Pier e Deborah ci sono ancora d’aiuto e da loro ci lasciamo prendere per mano.

I sudditi di Sua Maestà usano almeno dodici segmenti che individuano altrettanti “Tipo commerciali”. Ciascuno indica il diametro del filato, individuato con il numero di giri necessari per avvolgerlo su un supporto qualsiasi per ottenere una lunghezza pari a 1 pollice (2,5 cm ca.). Tecnicamente si parla di wpi, ovvero wraps per inch (giri per pollice).

Fino a qui nulla di particolare; si tratta di prendere un righello e avvolgervi sopra un filato fino a realizzare un tratto compatto di spire lungo 1 pollice. Dimensioni, forma e natura del righello non hanno alcuna importanza. Fatto? Bene.

Si tratta ora di contare il numero di spire contenute in quel pollice. I filati più fini ne avranno un numero maggiore, anche 27, rispetto a quelli più grossolani che non supereranno i quattro.

Ebbene, gli inglesi pragmaticamente non fanno altro che avvolgere un filo su un righello e contare il numero di spire, in questo modo sanno con che tipo di filato hanno a che fare. La pratica, si sa, rende perfetti ma anche un po’ gelosi, quindi i nostri amici d’Oltremanica si sono inventati dei nomi tali da permettere ai soli iniziati di capirci qualcosa. I filati più fini li hanno chiamati “Lace”, quelli più grossolani “Chunky”. Incominciate a intravedere la luce, vero?

Aspettate tuttavia nell’esaltarvi perché è ancora necessario fare un passo in avanti: si tratta infatti di capire se il filato sia a un solo capo o a due. Ricordate gli appunti S e Z e quindi l’instabilità di quello a un solo capo? Bene; questa tabella vi aiuterà a meglio comprendere le suddivisioni.

E ora, fedeli alle misurazioni continentali, ecco le definizioni europee per le quali il filato è valutato in termini di numero metrico (Nm), ovvero quanti metri di filato sono contenuti in 1 kg.

Ora dovrebbe essere tutto più chiaro.

Quando si parla per esempio di “Super Chunky”, si intende un filato di numero metrico compreso tra 700 e 600 (con 1 kg si srotolano 6-700 m ca. di filo) che arrotolato su un righello comporta la nascita di 4/5 spire per ogni pollice; un filato quindi adatto per lavori di aguglieria pesante.

Un filato “Sport” invece è quello caratterizzato da un numero metrico pari a circa 3500 ca. che se avvolto su un righello darà origine a 12 spire ca. Ideale quindi per capi più leggeri di quelli del precedente.

Un ultimo regalo da Deborah: quali ferri utilizzare per lavorare al meglio un filato? Niente di più facile. Anche in questo caso empirismo e praticità: basta misurare quanti millimetri intercorrono tra due fili adiacenti avvolti sul supporto. Quel numero sarà il diametro espresso in millimetri dei ferri più adeguati.

Annunci

Un 2012 senza divisioni


«Divide et impera». Lo predicavano e attuavano con scienza e sapienza gli antichi romani per meglio controllare le differenti situazioni che animavano il loro immenso impero. La nebulizzazione delle risorse, la tensione del confronto vicendevole, l’annullamento esistenziale dei singoli tesi nelle lotte di quartiere, il sospetto e l’invidia nei confronti dell’altro avevano come risultato la compattezza economica del sistema e la regolarità degli immensi flussi di beni e tesori che giungevano a Roma.

Un imperativo semplice, secco, chiaro e per questo efficace. Lo abbiamo assimilato completamente e intimamente, e lo abbiamo fatto nostro. Tuttavia sorprende come il rapporto si sia ribaltato e uno strumento funzionale all’Impero – anche quello moderno (cfr. Alex Zanotelli) per quanto frastagliato e variegato – sia diventato nostro patrimonio personale, individuale, da difendere con forza ed energie. Ci siamo frammentati e, in nome di un individualismo non sempre supportato da contenuti di spessore e portata significativi, ne abbiamo fatto il nostro cavallo di battaglia.

Queste righe di fine d’anno sono sia una visione della società sia il risultato dell’analisi del panorama delle arti manuali che si esprime attraverso i blog. Una vera e propria “cloud”, come amiamo ripetere scimmiottando la più moderna tra le teorie commerciali sapientemente ammantata di tecnologia e sociality. Risultato: una frammentazione disorganizzata, entropica e dispersiva di talenti che non sempre riescono a migliorarsi e, ancora meno frequentemente, a porre efficaciemente sul mercato – o quanto meno proporre selettivamente a un pubblico potenzialmente interessato – i frutti del loro ingegno.

È più di un anno che stiamo cercando di unire gli sforzi frammentati in un unico soggetto di dimensioni e portata significativa, almeno a livello nazionale eppure, probabilmente a causa dei nostri maldestri strumenti comunicativi, l’obiettivo è ancora ben lontano dall’essere raggiunto. Tendenza italica? Anelito separatista che dall’Alto Adige non lascia immune neppure la Sicilia attraversando con identico spirito tutta la penisola? Nazione delle “piccole patrie”? Forse più semplicemente si tratta della lenta digestione della massima latina che ci è penetrata così profondamente nell’intimo fino ad apparire scontata e dogmatica: «Sono nella misura in cui esisto come soggetto individuale».

Già immaginiamo i distinguo, le ragioni dei singoli e dei tanti (non si tratta forse di una nube?), i chiarimenti ma, permettetecelo, le fazioni, i campanili, i personalismi, peraltro così ben espressi dal Parlamento che ci rappresenta, ci sembrano improduttivi e poco lungimiranti. Ogni divisione frammenta il numeratore e spessoporta alla creazione di “resti”, parti residuali che di fatto risultano poco fruibili.

Come alternativa proponiamo il concetto di somma o, nei casi più illuminati, di moltiplicazione. Laddove il risultato dell’operazione sia un valore significativo ottenuto come somma di tanti “resti” che, insieme, possano trovare un’espressione meno personale ma maggiormente importante, stabile, duratura.

Fare squadra: chissà che questo inusuale concetto, per quanto a parole largamente abusato, possa trovare concretezza reale e mostrare che, unendo le passioni, riducendo i costi e fruendo dell’esperienza di una comunità, si possa progredire nel sapere, nel trasmettere, nel ricevere. Diversamente continueremo a cercare invano di far sentire le nostre voci frammentate e per questo deboli, disorganizzate e quindi sovrapposte, che solo a fatica riescono a uscire da quel brusio di fondo indistinto al quale siamo, ahinoi, avvezzi e vaccinati.

Buon nuovo anno a tutti da The Wool Box.

Valentina sotto la neve


6-18 dicembre 2011

Alla faccia della spolverata di neve! Venerdì, arrivati in vista di Aosta, mentre ero ancora in autostrada, abbiamo quasi girato la macchina per tornare indietro. Dal finestrino si vedevano i fianchi delle montagne più basse già spolverate di neve fresca. Dove ci trovavamo ancora non nevicava, ma evidentemente mancava poco. Non avendo mai montato le catene in vita mia, mi è preso il panico quando i primi fiocchi di neve, grossi come prugne, sono caduti pesantemente sul vetro. Diligentemente ci siamo accodati ai camion e ad alcune macchine che avevano rallentato in maniera prudente, mentre guardavo sbigottita le auto con targa locale sfrecciare alla mia sinistra. In poco tempo la situazione è peggiorata, e la neve ha iniziato ad attaccarsi all’asfalto,diventato già un manto bianco dove non passava la colonna di macchine. I fiocchi poi si sono fatti più leggeri e le macchine in sorpasso sono state sempre meno. Abbiamo tenuto duro fino a Saint Pierre, dove la situazione è diventata decisamente critica. Non si vedeva quasi più nulla, solo enormi fiocchi bianchi che oscuravano la visuale e coprivano la macchina a una velocità impressionante. A un certo punto le gomme da neve hanno smesso di tenere la strada, slittando senza riuscire ad avanzare di un metro, e ci siamo ritrovati di traverso in mezzo alla strada. In salita. Sono queste le situazioni che ti fanno pensare: «Ma perché? Perché a me? Perché non sono andata tre giorni al mare?». Usciti dalla macchina siamo stati investiti da una folata gelida. In un battito di ciglia eravamo coperti di neve come due ghiaccioli. Montate le catene, siamo ripartiti. Iniziava a farsi tardi, perché mettere le catene non è esattamente una cosa da tutti i giorni e ci ha portato via un bel po’ di tempo (ok, lo ammetto, siamo anche andati a chiedere aiuto a una coppia del posto… ma non si dice!). La parte più divertente comunque è stato il pezzo di strada tra Saint Nicolas e Vetan:  alle tre del pomeriggio non si vedeva più niente per cui, per vedere dov’erano le curve, dovevo usare il navigatore satellitare! Il giorno dopo fuori dalla porta di casa c’erano settanta centimetri di neve: da non crederci. Abbiamo fatto a pallate come bambini e ci siamo pure fatti prestare uno slittino da due bimbette! Due giorni interi di sole, che pacchia!

V.

19 dicembre 2011

Stasera abbiamo fatto la cena di Natale con i colleghi. C’erano tutti, dai capi ai semplici impiegati e magazzinieri. Accanto a ogni tovagliolo c’era una grossa caramella di carta, e ci è stato intimato di non toccarla assolutamente. La cena si è svolta in grande tranquillità, tra brindisi e chiacchiere. Ovviamente il discorso è caduto diverse volte sulla lana, come evitarlo? Finito di mangiare, dopo il caffè e il limoncello, ci è stato spiegato cos’era la caramellona di cartone. Si chiamano Crackers e appartengono alla tradizione inglese e si possono anche fare in casa. Cilindri di carta che, tirandone le estremità, si aprono in due, con un piccolo botto e tanti regalini a sorpresa. Un’idea originale e molto gradita. Ognuno conteneva una coroncina di carta dorata, e le foto imbarazzanti della serata dimostrano che non racconto frottole.

V.

20 dicembre 2011

M.T. mi ha fatto un regalo, non me l’aspettavo. Una bellissima borsa rossa di pelle. Non avevo mai avuto una borsa tanto grande: ci sta dentro il lavoro a maglia (e avanza un po’ di spazio anche per il ferro da stiro!). Regalo più che apprezzato, a cui mi dovrò abituare. Di solito raccatto una borsa dal cumulo di cose che mia madre non porta più, meglio se a tracolla, e la maltratto finché non cede e si distrugge… Mi sa che questa volta dovrò farci un po’ di attenzione.

V.

Il Natale di The Wool Box


Anche quest’anno ce lo siamo perso. Quante occasioni avremo ancora, non tanto per rimediare quanto per godere appieno dell’Avvento? Non si tratta di essere clericali, cattolici o confessionali, quanto di cogliere il valore di queste quattro settimane che ci preparano al Natale. Eppure anche quest’anno sono volate via.

Saranno state le vicissitudini di governo, l’aumento dell’età pensionabile e delle imposte, gli scenari esteri e interni e gli equilibrismi delle grandi potenze, lo spread (del quale fino a qualche mese fa ignoravamo l’esistenza e che oggi ci incolla al televisore), le perdite della borsa (nella quale, peraltro, non abbiamo investito un solo centesimo). Decine, centinaia le scuse ipotizzabili, ognuna plausibile e tutte protese verso un identico risultato: la preoccupazione. Sembra che senza non riesca a vivere. Che si tratti di masochismo?

L’inverno è ancora lungo. Tecnicamente è appena iniziato, eppure la natura ha già mutato il suo corso, e le giornate iniziano il loro faticoso allungarsi verso una nuova primavera. Non ce ne rendiamo conto e ci apprestiamo nuovamente a mortificare una festa celebrando un rito banale e consumistico, tra piccole grane, protagonismi e protagonisti, “baruffe chiozzotte” di goldoniana memoria, il nostro nome riportato sotto a una minuta irrilevante ma ipersignificativa ai nostri occhi, i nostri sforzi migliori volti ad alimentare il nostro ego, fino a non essere più in grado di cogliere la nostra reale dimensione.

Silenzio. Quanto bisogno ne avremmo. Una pausa dal frastuono incontrollato e spesso volgare della superficialità che avvolge molti dei nostri rapporti. Ci vorrebbero passi in punta di piedi, sobrietà ed eleganza nei gesti.

La mente va ad Andrea, là fuori. Le sue pecore hanno appena superato il ponte sul fiume. Fa freddo, e il suono degli animali è quanto più vicino al silenzio si possa immaginare. Chissà se almeno a lui non è sfuggito di mano il tempo, se l’Avvento per lui dura l’intero arco dell’anno, se ogni giorno, ogni attimo diventa un’epifania sacra. In ogni caso, lui e il suo gregge ci stanno pungolando, ci sussurranno che un’altra via è possibile, che non sempre la frenesia equivale a benessere, che ritmo e cadenza strutturano una regola alla quale sarebbe bene adattarsi, che il maggiore vizio della nostra epoca è la mancanza di fiducia, di visione del futuro: in una parola, la paura. Riecheggiano, scovate in chissà quale cassetto della memoria, parole forti di un uomo forte: «Non abbiate paura».

Cercheremo di non avere più paura. E vorremmo fare di questo proposito un auspicio per il nuovo anno, con l’augurio di trascorrere un Natale sereno, per tutti voi che leggendoci e sostenendoci state alimentando la speranza di un futuro diverso. Grazie e buone feste.

The Wool Box

Lavora con noi: com’è andata a finire


Centinaia di curricula. Un riscontro veramente notevole, oltre ogni aspettativa, per il nostro appello «Lavora con noi». Ai primi abbiamo risposto puntualmente poi, man mano che il flusso è cresciuto, non siamo stati più in grado di farlo in modo personalizzato. Con queste righe vorremmo ringraziarvi tutti e aggiornarvi sullo stato dell’arte.

Prudentemente ma con un ritmo ben scandito, lentamente ma non per questo con meno partecipazione – applicando un metodo quasi misconosciuto e ritenuto obsoleto in quest’epoca di comunicazione “hic et nunc” – abbiamo iniziato a tessere rapporti con alcuni di voi. Se è presto per le presentazioni ufficiali, vi diamo alcune anticipazioni sulle persone selezionate, come le iniziali, la provenienza e il campo di interesse, che integreremo man mano che la trama si farà più fitta e consistente.

  • I.C., Napoli. Studentessa in architettura. Knitter e blogger. Le abbiamo chiesto di aiutarci a definire i migliori pattern per le nostre lane. È già all’opera e presto ne apprezzeremo i modelli.
  • T.C., Biella. Art director con laurea in Scienze della comunicazione. L’avete già vista all’opera con le proposte “Colori d’Autunno” e “Natale 2011”.
  • R.S.M., Oporto (Portogallo). Artista, con formazione accademica a Brera. La vedremo probabilmente all’opera quest’estate in una serie di performance e flash mob dei quali vi terremo informati e per cui contiamo sulla vostra partecipazione.
  • L.d’A, Biella. Specialista in social communication, con laurea in Scienze della comunicazione. È già all’opera su Facebook.
  • H.K., Rostock (Germania). Web marketer. Chissà non riesca a portarci dal Nord la tradizione del saper fare professionalmente evoluto presentandoci le maestre di quelle lande, e a esportare a quelle latitudini la qualità del nostro Made in Italy.

Dal mare del Nord all’Oceano Atlantico, fino al calore del Mediterraneo, personalità e professionalità molto diverse, accomunate però da una caratteristica: la freschezza. Ognuno a modo suo entusiasta verso il Futuro, quello con la F maiuscola, quello da costruire e non da subire. Per citare Lutero, gente che «se sapesse che domani arriverà la fine del mondo, oggi stesso pianterebbe una pianta di mele». Vedremo se insieme saremo capaci di impostare un nuovo modo di lavorare e di metterlo a frutto, almeno in termini di coinvolgimento, sensibilizzazione e accrescimento culturale.

A tutti gli altri, quelli che non abbiamo avuto modo di contattare o di sottoporre a colloquio, vadano comunque i nostri più caldi apprezzamenti e saluti. Grazie a tutti.

Valentina e i bizzarri ospiti di Wools of Europe


12 dicembre 2011

Oggi l’aria è più natalizia che mai. In ufficio stelline e palline di feltro penzolano ovunque, e un alberello piccino picciò che ho recuperato dalla soffitta ha trovato il suo posto accanto alla mia scrivania ed è stato addobbato fino a scoppiare. Le scrivanie, poi… Anche loro straripano, ma di fogli, fatture e appunti vari. Sembra che non si riesca a fare stare tutto in un solo posto, è pazzesco. L. ormai ha sempre i ferri in mano e sforna campioncini, cappellini, mantelline, scialli. È  una situazione piacevolmente caotica. È il genere di caos che precede le feste, dove tutti diventano frenetici e le strade sono invase da automobilisti storditi che sembrano aver scordato dove si trova il pedale dell’acceleratore! Ma manca poco a Natale e siamo tutti più buoni, no?

V.

13 dicembre 2011

Ho fatto un regalo di Natale al mio computer. Per la gioia del signor L., due graziose casse di discreta qualità che ho trovato in soffitta. Ora finalmente quando il capo non c’è i topini (io e L.) balleranno a ritmo di musica!

V.

14 dicembre 2011

Ma capitano tutti a me! Oggi pomeriggio sono venuti a visitare la mostra due signori piuttosto anziani. Uno alto alto e magro, l’altro decisamente più basso e calvo. Hanno iniziato a parlare del più e del meno con me e L., e ci raccontavano di fatti e misfatti di quando erano giovani. A un certo punto ho fatto per allontanarmi, perché avevo delle cose da fare, e il signore altissimo mi si è avvicinato e ha attaccato una filippica su una sua compagna di classe, che io conosco, su cui a suo tempo aveva fatto un pensierino, ma che poi si era sposata. «Come sta? Vero che è ancora una bella donnina? Un bel carattere, una gran bella persona…». Non la smetteva più! Cosa posso farci io se hai perso l’attimo? Comunque ho cercato di riavvicinarmi a L. e al signore più basso, che mi sembrava meno verboso, e invece la combinazione tra i due è stata come tra la nitroglicerina e la centrifuga: letale. A un certo punto, prima di riuscire a indirizzarli verso l’esposizione, il signore logorroico mi si è avvicinato a un palmo dal naso e mi ha detto: «Ma com’è che non ce n’erano di ragazze così alte ai miei tempi?». No comment. Credo di essermi lasciata sfuggire una risatina imbarazzata… Mezz’ora prima della chiusura, invece, si è presentato un ragazzino di quattordici anni. L’abbiamo accompagnato alla mostra, e intanto L. gli ha chiesto come mai fosse venuto a visitare l’esposizione. Risposta: aveva preso tre insufficienze oggi, e voleva posticipare più possibile il momento della resa dei conti in casa. Non fosse stato per la faccina seria e mortificata che aveva, mi sarei messa a ridere! L. gli ha spiegato che la strigliata era d’obbligo, e non perché la mamma fosse una strega, ma perché la scuola serve a noi per il nostro futuro, e le insufficienze ci devono aiutare a migliorare e a colmare le nostre lacune. Poco dopo gli ha telefonato la madre, infuriata, che gli ha intimato di rientrare a casa. Immediatamente.

V.

15 dicembre 2011

Stamattina sono entrata nel nostro magazzino. Che impressione: i mucchi di lana scelta che albergavano (ormai da quando sono arrivata qui) indisturbati in tutto lo spazio dello stabilimento, ora sono ordinatamente disposte in balloni rettangolari perfettamente incellofanati, tutti rigorosamente divisi per tipologia ed etichettati, pronti per essere mandati al lavaggio. Presto verranno spediti e il magazzino sarà completamente vuoto. E poi? Be’, in primavera cominceremo a ricevere la lana della nuova tosa, e nel frattempo avremo ricevuto tutti i prodotti ottenuti dalla lavorazione della lana della primavera passata.

V.

Un maglione in bolletta

Il freddo ha bussato alla porta ormai da qualche giorno, deciso a prendersi la stagione che gli spetta. Ma noi, che riusciamo anche ad apprezzare la sua compagnia all’aria aperta quando ci veste di guance arrossate e cappelli colorati, in casa proprio no, non lo vogliamo. Arrivano in nostro aiuto fior fior di esperti, pronti a consigliarci su come ottenere nel nostro focolare un caldo salutare e che, possibilmente, ci permetta di guardare la bolletta con occhi sereni e cuore in pace. Ognuno sembra possedere la ricetta giusta, ognuno è convinto, come sempre, di avere in tasca la verità: c’è chi si barcamena tra improbabili programmazioni del termostato, che neanche la memoria in dotazione basta a ricordare, chi inchioda infissi e serramenti e li imbottisce con chilometri di tubolari (ché per quest’inverno le finestre non le apriamo), chi sceglie di dormire al fresco, che fa anche bene, ma sotto ai 10 gradi il reumatologo consiglia di non scendere… E così mi lascio stupire dal consiglio più bello: indossare in casa un maglione di lana. Ovvio, scontato, banale, talmente tanto da non pensarci nemmeno. Poi passo davanti allo specchio e vedo una felpa. Di cotone. Forse tanto ovvio non è. Il signor Esperto, che già mi piace, dice che con questo semplice accorgimento possiamo tranquillamente permetterci di abbassare di un grado la temperatura delle nostre case, così da ridurre in maniera tangibile anche le spese di riscaldamento.

Cominciano le riflessioni.

Il signor Esperto, che tanto ci piace e addirittura ci stupisce, ha detto ciò che avrebbero potuto tranquillamente dirci i nostri nonni o i nostri genitori. Fino alla loro generazione funzionava così: lana d’inverno, cotone d’estate. Ma i tempi sono cambiati e, come ci diceva Maria Cristina in un prezioso commento a un post, oggi viviamo giorni in cui tutto è possibile, in cui per le feste di Natale ci propongono abiti in seta, in cui la stola di cashmere “leggero leggero” diventa il capo spalla della nostra estate. Trovo stimolante, quasi doveroso, giocare con i dettami avuti in eredità, manipolarli, capovolgerli, disfarli per poi sperimentare: è così che si progredisce, è così che possiamo arrivare a capire quello che fa davvero per noi. Scopriamo in questo modo che la tradizione può vincolarci con dettami infondati (tutto sommato una pashmina di cashmere è perfetta per le serate estive) ma è in grado di regalarci perle di saggezza (lo smanicato in seta per la festa di Capodanno va bene se hai deciso di festeggiare in Sudafrica). Permettiamoci di scardinare le rigidità ma di tenere il buon senso. Questa è la ricchezza degli insegnamenti.

Un maglione di lana, poi, ha davvero molti vantaggi. Innanzitutto possiamo recuperarne uno vecchio (già, perché se le tarme non interferiscono, la lana dura) che davamo ormai per spacciato e divertirci a rinnovarlo, perché mica solo gli stilisti possono creare! Ci regaleremo fantasia, scopriremo capacità insospettate e indosseremo un vero e proprio “made by me”. Un maglione di lana possiamo farcelo da noi: un paio di ferri, qualche gomitolo, pazienza e tempo ci doneranno non solo colore da indossare, ma un’arte da mettere da parte e placide serate a ritmo di “diritto e rovescio”. Se questo è troppo, possiamo commissionare il lavoro all’amica esperta knitter: ci divertiremo a scegliere il modello, decidere il filato giusto e daremo sostegno a una microeconomia alternativa che tanti auspicano come rimedio per portare in salvo questi tempi difficili. La stessa microeconomia che aiuteremo scegliendo filati di razze autoctone, scegliendo la lana dei piccoli allevatori che hanno trovato il coraggio di “rompere” con l’abitudine e di tentare di salvare una preziosa risorsa. E così il cerchio si chiude e assomiglia terribilmente all’appello del “Natale handmade”, quello affisso in bacheca, seppur virtuale.

Tutto con un maglione.

Ho freddo, apro l’armadio e ascolto. Guardo la felpa di cotone e i brividi aumentano, guardo il maglione di lana e sento già addosso il caldo che mi regalerà, in una sorta di sinestesia. È l’intelligenza del corpo a parlare, quella che ci appartiene da sempre ma che abbiamo imparato a dimenticato con l’uso e l’abuso della ragione, padrona assoluta dei sensi anche quando avrebbe solo da imparare.

Ritorno alle origini. La lana scalda. Lo sanno gli esperti in bioedilizia, che la utilizzano come isolante termico naturale. Lo sanno quei pastori che, ironia della sorte (anche se c’è poco da ridere), la utilizzano come combustibile piuttosto che sostenerne i costi di smaltimento, convinti di non avere alternative economicamente sostenibili per la sua lavorazione.

La lana scalda e lo fa, prima di tutto, venendo indossata. Semplicemente.

Un maglione in bolletta quindi, ma col segno meno. Confortante e confortevole.